immagine Collegiata di San Medardo

Collegiata di San Medardo

Attestata già nel 1208, e ricostruita tra il 1634 e il 1644 su progetto di Michele Buti, la Collegiata di San Medardo conserva veri e propri capolavori d’arte: due straordinarie opere di Luca Signorelli, il polittico di S. Medardo e il Battesimo di Cristo; il monumentale dossale in terracotta invetriata (1510-1513) di Giovanni della Robbia; dipinti di Ercole Ramazzani, Claudio Ridolfi, Simone Cantarini, Piergentile da Matelica e Venanzio da Camerino.

...

La barocca collegiata di San Medardo è una chiesa-museo che reca l’insolita intitolazione di S. Medardo (VI secolo), vescovo di S. Quintino molto venerato in Francia. Secondo la tradizione,la Chiesa dovrebbe il suo nome a una reliquia di San Medardo (Santo Francese) donata, alla Comunità di Rocca Contrada dall’Imperatore Carlo Magno.
Attestata già nel 1208,la chiesa fu elevata a Collegiata a fine 1500; fu completamente ricostruita tra il 1634 e il 1644 su progetto di Michele Buti. Nel XVII secolo la cupola fu danneggiata da due terremoti di notevoli entità e fu ricostruita dall’Architetto Andrea Vici, allievo del famoso architetto Luigi Vanvitelli. L’imponente costruzione ha la facciata in cotto a due ordini, incompiuta, e un armonioso interno a navata unica su cui si aprono otto cappelle. All’interno si possono ammirare veri e propri capolavori dell’arte: due straordinarie opere del grande artista rinascimentale Luca Signorelli, il Polittico di S. Medardo (1507) e il Battesimo di Cristo (1508); il monumentale dossale in terracotta invetriata Madonna col Bambino tra i Santi Giovanni Battista e Gerolamo (1510-1513) di Giovanni della Robbia, esponente di spicco della famosa bottega fiorentina e con forse la presenza di Andrea Della Robbia; gli arredi lignei dei maestri intagliatori Leonardo Scaglia e Francesco Giglioni, che qui operano tra il 1647 e il 1650; le numerose opere di Ercole Ramazzani, artista locale allievo di Lorenzo Lotto, tra cui si segnalano il Battesimo di Cristo (1593) e il Giudizio Universale (1597), ultima opera dell’artista; alcune opere di Claudio Ridolfi il Veronese, discepolo del Barocci (sec. XVII); Madonna del Rosario con i SS. Domenico e Caterina da Siena (1642), uno dei capolavori di Simone Cantarini il Pesarese (1612-1648) allievo prediletto e ribelle di Guido Reni; una Madonna col Bambino, S. Anna, S. Giuseppe e S. Gioacchino (1529), bella tavola di Piergentile da Matelica e Venanzio da Camerino.
Su prenotazione è possibile visitare la raccolta museale di San Medardo, dove sono esposte straordinarie opere dei Signorelli e di Ramazzani.

Collegiata San Medardo 1
Collegiata San Medardo 2
Collegiata San Medardo 3
Collegiata San Medardo 4
Collegiata San Medardo 5
Collegiata San Medardo 6
Collegiata San Medardo 1
Collegiata San Medardo 2
Collegiata San Medardo 3
Collegiata San Medardo 4
Collegiata San Medardo 5
Collegiata San Medardo 6
  • location DOVE

  • ticketCOSTO

    gratuito

  • info INFORMAZIONI

    Ufficio I.A.T.:  Arcevia Corso Mazzini 22, tel. 07319127 (15 giugno – 30 settembre)
    Municipio: Arcevia Piazza Garibaldi 67, tel. 07319899  (centralino)
    Biblioteca / Centro culturale “San Francesco”: Arcevia Corso Mazzini 64, tel. 0731984561

    Sito Web

Attrazioni

nel territorio di Arcevia

c’è ancora tanto
da scoprire!

iscriviti alla newsletter

Invia una richiesta di preventivo a tutte le strutture nei tuoi preferiti













SCOPRI LA val mivola CHE FA PER TE

Naviga il sito e quando trovi qualcosa che non vuoi perderti clicca sul cuore.
In questa pagina troverai la lista di tutto ciò che vuoi scoprire nella Val Mivola.
Organizzare la tua vacanza sarà davvero semplicissimo.