immagine Chiesa di San Rocco

Storico

Chiesa di San Rocco

Il primo edificio risale al 1527, ma  verso la fine del ‘700 la Chiesa di San Rocco fu completamente ristrutturata. Conserva dipinti di Giovanni Brandi da Poli, della bottega di Pietro da Cortona e, probabilmente, della bottega di Federico Barocci, un organo del 1771 del famoso organaro padovano Gaetano Callido.

...

Costruzione avviata nel 1527, quando venne avanzata la proposta di edificare una chiesa dedicata al Santo taumaturgo. Già dall’entrata nell’unica navata, l’occhio del visitatore è colpito dalla ricchezza delle decorazioni. Lo stile, Barocco – che segue il Rinascimento -, genera forme architettoniche tra le due correnti: colonne, pilastri, cornicioni, trabeazioni, modanature elementi “presi in prestito” dalle rovine classiche. Lo sfarzo e l’ostentazione di stucchi bianchi e dorati ed altre forme di decoro, avevano il consapevole scopo di evocare una visione di gloria celeste. Architetti, scultori pittori e artigiani furono chiamati per realizzare in questa chiesa una “mostra d’arte” capace di travolgere con lo splendore e di attirare e persuadere non solo l’analfabeta ed istruirlo con le parole di Dio, ma anche lo scettico, che questa volta aveva “letto troppo”. Verso la fine del ‘700 la Chiesa fu completamente ristrutturata e subì una specie di “rotazione”. L’ingresso fu trasformato in abside e fu spostato sul lato destro previo lo spostamento dell’altare maggiore. Presenti anche delle tele opera di Giovanni Brandi da Poli, della bottega di Pietro da Cortona e, probabilmente, della bottega di Federico Barocci. Tutte le tele, tranne quella dell’altare maggiore, sono segnate dal sigillo di ceralacca, con il quale venivano identificate le opere di prestigio, destinate a seguire le truppe Napoleoniche in Francia. Nella parete di fronte all’altare maggiore si mostra la cantoria con il mobile dove al suo interno si trova un organo del 1771 del famoso organaro padovano Gaetano Callido. Dell’antico monastero è ancora oggi possibile visitare il refettorio, che conserva integre le tavolate e il rivestimento in legno di noce.

  • location DOVE

  • ticketCOSTO

    gratuito

  • info INFORMAZIONI

    Punto IAT – Ostra
    Corso Mazzini, 4
    Ostra (AN)

    Recapiti telefonici 0712142738

    Come arrivare

    Da A14: Casello di Senigallia, SP 360 in direzione Ostra
    Da A1: Casello di Orte, E 45 in direzione Perugia, fino ad uscita di Valfabbrica-Ancona, poi SS 318 fino ad SS 76, poi si esce direzione Sassoferrato-Arcevia-Ostra.
    Treno: dalla Stazione di Senigallia: autolinee Bucci
    Aeroporto di Falconara R. Sanzio: SS 76 in direzione Bologna: uscita di Senigallia, poi SP 360 in direzione Ostra

PER INFO E PRENOTAZIONI

c’è ancora tanto
da scoprire!

iscriviti alla newsletter

Invia una richiesta di preventivo a tutte le strutture nei tuoi preferiti













SCOPRI LA val mivola CHE FA PER TE

Naviga il sito e quando trovi qualcosa che non vuoi perderti clicca sul cuore.
In questa pagina troverai la lista di tutto ciò che vuoi scoprire nella Val Mivola.
Organizzare la tua vacanza sarà davvero semplicissimo.